Vince due volte Torno Subito e a Latina organizza Climathon, la maratona scientifica e culturale per il clima. Un impegno per l’energia sostenibile e per un mondo che cambia – l’intervista a Jessica Brighenti

Pianificazione e politiche per l’ambiente, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, sviluppo urbano sostenibile e azione locale partecipata. Questi gli obiettivi del progetto di Jessica Brighenti. La giovane trentenne di Latina laureata in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali, dopo un Master conseguito a Barcellona e numerosi corsi di formazione ANCI sui fondi europei per l’energia e l’ambiente ha scelto Torno Subito per portare avanti il suo percorso di formazione e crescita. Vincitrice di due edizioni, Jessica ci ha raccontato cosa ha rappresentato per lei l’opportunità offerta dalla Regione Lazio.

Ci racconti il progetto vincitore di Torno Subito 2014?

Il primo progetto, quello che ha vinto Torno Subito nel 2014, mi ha permesso di perfezionare le mie conoscenze sul Patto dei Sindaci, soprattutto riguardo al supporto che viene fornito ai Comuni aderenti in Italia e di entrare in contatto con i referenti di numerosi Comuni della Provincia di Latina promuovendo l’iniziativa nel territorio tramite convegni e seminari. La mia work experience di Fase 1 mi ha portato in Umbria a Città di Castello dove ho collaborato con Alleanza per il Clima Italia, un’associazione di Comuni ed Enti territoriali europei impegnata in progetti di salvaguardia del clima globale. Sono stata coinvolta in diverse attività collegate all’iniziativa europea del Patto dei Sindaci per l’Energia e il Clima. In fase 2, alla Provincia di Latina – settore ecologia e ambiente – ho supportato l’Ente nell’adesione all’iniziativa europea di cui sopra in qualità di  Coordinatore Territoriale del Patto dei Sindaci.

Perchè hai deciso di ripresentare un progetto anche per l’edizione 2015?

Anche se dopo la conclusione del progetto nel 2014 ho ricevuto delle offerte di collaborazione sempre legate al Patto dei Sindaci per redigere alcuni Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile nel territorio e ho partecipato a numerose iniziative in campo ambientale, ho scelto di nuovo Torno Subito per rafforzare le mie conoscenze sul funzionamento della Commissione europea. E’ stata Bruxelles, infatti, la meta del mio viaggio formativo e nella prima fase del progetto l’esperienza di lavoro  con  FEDARENE – la Federazione Europea delle Agenzie e delle Regioni per l’Energia e l’Ambiente – mi ha permesso di collaborare in prima linea nel supportare le Regioni italiane ed europee nella loro adesione come Coordinatori territoriali del Patto dei Sindaci. Ho avuto la possibilità di partecipare ad eventi europei di alto livello sui temi dello sviluppo sostenibile, dei cambiamenti climatici e dell’energia sostenibile. Ho inoltre rafforzato le mie competenze linguistiche in inglese e francese.

Avevi un sogno da realizzare con Torno Subito? Ci sei riuscita?

Grazie a Torno Subito ho avuto la possibilità di diventare un esperto di politiche locali di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, un grande valore per il mio Curriculum. Poi da tempo avevo il sogno di fare un’esperienza di lavoro a Bruxelles, il cuore dell’Europa, dove ha origine l’iniziativa del Patto dei Sindaci e le politiche ambientali europee. Ci sono riuscita!

Cosa puoi dirci in termini di innovatività e ricadute sul territorio laziale?

Con l’adesione della Provincia di Latina in qualità di Coordinatore Territoriale del Patto dei Sindaci, i Comuni del territorio hanno rafforzato le proprie conoscenze e il proprio interesse nei confronti delle politiche climatiche locali e sono più attivi in tale settore. Dopo l’esperienza di Bruxelles, poi, sono tornata ancora più motivata e ho organizzato a Latina l’evento Climathon di livello internazionale con alcune associazioni ambientaliste del territorio provinciale. L’evento era l’unico del centro sud Italia (nel mondo hanno aderito 51 città) e ha riscosso notevole successo accogliendo partner importantissimi a livello nazionale ed europeo https://climathon.climate-kic.org/latina  https://www.facebook.com/groups/climathonlatina2016.  Inoltre, con l’Associazione GAP di Pontinia abbiamo  redatto un progetto “Il Patto dei Sindaci a scuola” che è stato selezionato e finanziato dalla Regione Lazio con il bando Fuori Classe. Abbiamo avviato il progetto ad inizio febbraio e sono sicura che le mie esperienze di questi due anni di Torno Subito hanno contribuiranno ad buona riuscita del progetto. Con l’Associazione mi occupo anche di coordinare lo Sportello Europa e Informagiovani del Comune di Pontinia nel quale ho portato tutto il bagaglio culturale maturato durante l’esperienza di Bruxelles.

Hai trovato lavoro? Pensi di avere maggiori opportunità di inserimento lavorativo qualificato?

Per il tirocinio di fase 2 del progetto che ha vinto Torno Subito 2015, ho deciso di collaborare con uno studio che si occupa di redigere e coordinare progetti europei in tema di sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici e continuerò a collaborare con loro anche una volta terminato lo stage a fine marzo. Ho ricevuto anche altre offerte di collaborazione.

Quali sono state le sensazioni e le emozioni dei tuoi viaggi di andata e ritorno?

Già quella del 2014 è  stata senza dubbio un’importante e valida esperienza, ma sentivo mancasse qualcosa nel mio viaggio e – come ho già precisato sopra – ho deciso di partecipare di nuovo a Torno Subito nel 2015 per poter approdare a Bruxelles, dove sono collocati i principali uffici che coordinano il Patto dei Sindaci in Europa. E’ stata una bellissima esperienza che farei di nuovo senza pensarci due volte. Ho conosciuto persone fantastiche e molto competenti, ho avuto la possibilità di viaggiare nel nord Europa con estrema facilità, anche esplorando il territorio circostante utilizzando percorsi cicloturistici: ho scoperto foreste, città e luoghi stupendi che resteranno sempre nel mio cuore.

 

La storia di Jessica oltre che di tematiche importanti come l’impegno per uno sviluppo sostenibile, l’educazione ambientale e l’adattamento ai cambiamenti del clima – che ben s’inseriscono all’interno delle politiche europee “per un mondo che cambia” –  parla anche di tenacia nel perseguire i propri obiettivi, di studio attento e della capacità di redigere progetti che hanno saputo parlare al suo talento. E’ una storia a lieto fine che si chiuderà aprendo un ventaglio di possibilità concrete per un futuro occupazionale qualificato. Quando le competenze acquisite fuori permettono di tornare a casa e inserirsi nel mercato del lavoro, facendo innovazione.

Buon lavoro e buona fortuna Jessica!